Busto Arsizio - VA - Via Sempione 8/ter

La Sepoltura

Oggi esistono tre modalità di sepoltura dei defunti: inumazione, tumulazione, cremazione.
Eccole nel dettaglio:

L'inumazione

L’inumazione di un cadavere nella terra trasforma rapidamente le materie organiche in sali minerali. Per facilitare questo processo, il defunto viene collocato in una bara di legno, quindi più facilmente decomponibile (circa dieci anni). Una volta mineralizzato, le ossa del defunto possono essere riesumate, riposte in una cassettina e deposte in una tomba (anche insieme con altri feretri) o nell’ossario comune.

La tumulazione

La tumulazione di un defunto in loculo, tomba o cappella privata è finalizzata a conservare più a lungo le spoglie mortali e la stessa sepoltura. A tale scopo, il proprio caro viene posta in una duplice cassa di legno e di metallo, e sigillata ermeticamente. Il periodo di conservazione in loculo, tomba o cappella varia a seconda della concessione ottenuta dal Comune. Infatti, la concessione in uso di loculi e altre sepolture private è a pagamento, secondo tariffa fissata dall’autorità comunale.

La scelta della forma di sepoltura – inumazione o tumulazione – è libera. Il Comune di residenza della persona defunta è tenuto solo a garantire l’inumazione e, senza ulteriori spese, la cremazione; il loculo o la tomba sono soggetti all’acquisto di una concessione dal Comune.

Alla cremazione dedichiamo ulteriori informazioni al seguente link.